La celebrazione dell’8 settembre 1943 a Como e Cernobbio

La cerimonia, organizzata dal Centro studi Schiavi di Hitler e dall’Anppia Como, si è tenuta presso la lapide agli schiavi di Hitler, nei pressi del Monumento alla Resistenza Europa ed ha visto la partecipazione di soci, e di rappresentanti dell’Anpi Dongo, dell’Anpi Saronno e dell’Istituto di Storia Contemporanea “Perretta”. Maura

Continua la lettura

8 settembre 2022 – il saluto del “Projektgruppe Italienische Militärinternierte in Hamburg 1943-45” di Amburgo

Indirizzo di solidarietà a “Schiavi di Hitler”.Salutiamo “Schiavi di Hitler”, di cui seguiamo e apprezziamo il lavoro da molti anni.I membri del “Gruppo di progetto Internati militari italiani ad Amburgo 1943-45” sono impegnati da molti anni in varie iniziative per un esame critico del nazionalsocialismo tedesco e per il sostegno

Continua la lettura

8 settembre 1943 – 8 settembre 2022

Cari amici , come da molti anni ricordiamo l’8 settembre 1943 che fu il momento della scelta per gli italiani che hanno combattuto per la libertà. Dopo l’8 settembre 1943, con l’occupazione tedesca e la nascita della Repubblica di Salò, abbandonati dalle alte cariche politiche e militari dello Stato, gli

Continua la lettura

E’ morto Giulio Isola

Ex Sindaco di Cernobbio, è stato tra i soci fondatori del Centro studi “Schiavi di Hitler”. Giulio ha colto a fondo e condiviso l’importanza del nostro lavoro. Siamo stati legati a lui da un rapporto di stima e amicizia A lui dobbiamo la sede prima che l’attuale amministrazione ci costringesse

Continua la lettura

Vilma Conti ci ha lasciato

Giovanissima staffetta partigiana si è spesa fino all’ultimo per la memoria della Resistenza a Dongo, per i suoi sacrifici e per i suoi caduti. Sua la prima bandiera rossa sul balcone di Palazzo Manzi il 27 aprile 1945, giorno della Liberazione. Fino all’ultimo ci ha invitato a vigilare “perchè nessuno

Continua la lettura

Diretta youtube – L’Anppia chiede la liberazione di Julian Assange

https://www.youtube.com/channel/UCKcJrflaaTTuS5VUo35G4KA Giovedì 7 luglio 2022 a partire dalle h. 18, a Torino, presso il Polo del Novecento in Corso Valdocco angolo Via del Carmine si terrà la consegna delle tessere onorarie dell’ANPPIA (Associazione Nazionale Perseguitati Politici Antifascisti) a Julian Assange e ad altri giornalisti di WikiLeaks (Kristinn Hrafnsson, Sarah Harrison

Continua la lettura

Per la scarcerazione di Julian Assange. Il comunicato dell’Anppia.

Ordine del giorno approvato all’unanimità dal congresso nazionale dell’ANPPIA (Associazione Nazionale Perseguitati Politici Antifascisti” il 18 maggio a Milano. “A conclusione dei lavori xx Congresso dell’ANPPIA emerge, tra le numerose questioni dell’Antifascismo, la necessità di garantire sempre una libera informazione, la necessità di un giornalismo che non sia un semplice

Continua la lettura

Urgente – Comunicato in merito al risarcimento italiano

La repubblica federale tedesca, disturbata dai processi italiani, ricorre all’Aja per la seconda volta e dice “basta!” alla richiesta di indennizzi per il lavoro forzato e schiavistico e per i crimini contro l’umanità perpetrati contro i cittadini italiani dall’8 settembre 1943 all’8 maggio 1945. Così l’Italia immediatamente ubbidisce, si inchina

Continua la lettura

Novità risarcimenti: decreto legge 30 aprile 2022

Art. 43 Istituzione del Fondo per il ristoro dei danni subiti  dalle  vittime di crimini di guerra e contro l’umanita’ per la lesione di  diritti inviolabili della  persona,  compiuti  sul  territorio  italiano  o comunque in danno di cittadini italiani dalle forze del Terzo Reich nel periodo tra il 1° settembre

Continua la lettura

Voci femminili nel buio della guerra nazifascista

Progetto di 10 video interviste realizzato da Maura Sala e Valter Merazzi, con il contributo dell’Anppia. Questo lavoro è dedicato alle Donne che vivono in tutto il mondo con profonda angoscia il presente e il futuro, subendo imposizioni di ogni genere e rischiando la vita. Anche nel nostro paese...

Continua la lettura

Commemorazione dei martiri di Cima di Porlezza

All’annuncio dell’armistizio il territorio comasco è attraversato da militari sbandati, prigionieri alleati, ebrei in fuga verso il confine svizzero sulle vecchie piste del contrabbando. Con il passare del tempo si organizzano bande partigiane con elementi di diversa provenienza: lo scopo è resistere con azioni di disturbo all’occupazione nazifascista. Nell’autunno del

Continua la lettura

Celebrazione 8 settembre

L’otto settembre alle ore 17.30, il Centro studi “Schiavi di Hitler” , l’ANPPIA Como e l’ANPI Dongo hanno tenuto a Como una cerimonia con deposizione di fiori al Monumento alla Resistenza Europea, alla lapide dedicata agli Schiavi di Hitler, alla stele in ricordo di Giorgio Perlasca e al monumento dedicato

Continua la lettura

6 marzo 1944 – 2021. Cerimonia in ricordo degli operai comaschi deportati in seguito agli scioperi

Ricordiamo gli operai e le operaie delle Tintorie Comense (Ticosa) e  Castagna, deportati in seguito allo sciopero del 6 marzo 1944 organizzato dalle cellule clandestine del partito comunista. Fu il contributo comasco alla poderosa ondata di scioperi che riguardò le principali fabbriche del nord Italia, coinvolse oltre duecentomila lavoratori, 1.200

Continua la lettura

Iniziative per il Giorno della Memoria 2021

Oltre alla pubblicazione sul web della mostra “Schiavi di Hitler. L’altra Resistenza. Racconti, disegni e documenti dei deportati e internati italiani 1943-1945”, con traduzione in inglese, abbiamo deposto fiori alla targa agli schiavi di Hitler, al Monumento alla Resistenza Europea a Como e alla targa agli schiavi di Hitler posta

Continua la lettura

Cima 21 gennaio 1945 – Per non dimenticare

Settantasei anni fa si consumava la strage dei sei partigiani fucilati a Cima di Porlezza, uno degli episodi più efferati della guerra civile e di liberazione in territorio comasco. Il più “anziano” aveva 28 anni, il più giovane solo 17. Per i “ribelli” di Cima – così venivano definiti dai

Continua la lettura

Ines Figini ci ha lasciato

Sabato 25 settembre 2020, all’età di 98 anni, ci ha lasciato Ines Figini, deportata nei Lager del Terzo Reich con altri operai delle fabbriche comaschi in seguito agli scioperi del 6 marzo 1944. Ines è sopravvissuta all’inferno di Auschwitz e Ravensbrueck grazie alla sua forza di volontà e alla voglia

Continua la lettura

8 settembre 1943 – 8 settembre 2020

Governo in fuga, disfatta dell’esercitoIl momento della scelta per gli italiani e la nascita della Resistenza 8 settembre 2020  Abbiamo deposto fiori: alla targa agli schiavi di Hitler nel Giardino dei Giusti a Cernobbio alla lapide agli schiavi di Hitler e al Monumento alla Resistenza Europea a Como.

Continua la lettura

Cittadinanza onoraria di Pescantina a Ines Figini e Pietro Piotto

Comunicato. Il Consiglio comunale di Pescantina (Verona), dove alla fine della guerra venne allestito il principale campo di accoglienza ai reduci dalla Germania, ha deciso all’unanimità di concedere la cittadinanza onoraria a Ines Figini, comasca, deportata dalla Tintoria Comense nel 1944, socia fondatrice della nostra associazione, socia onoraria dell’Anppia (Associazione

Continua la lettura

VIDEO “Racconti di cernobbiesi nei Lager nazisti 1943-1945”

VIDEO “Racconti di cernobbiesi nei Lager nazisti 1943-1945” Realizzato da Valter Merazzi e Maura Sala.editing 2020 di Francesco Merazzi musica di “Gianda” Bedetti grafica e assistenza informatica di Flavio Frascarelli Il video avrebbe dovuto essere presentato a Cernobbio il 1 aprile 2020. Vuole ricordare la Resistenza degli IMI (internati militari

Continua la lettura

BASTA FAKE NEWS SUL DEBITO TEDESCO

Comunicato stampa del 7 aprile 2020 della “Fondazione per la critica sociale”. Circolano fake news sul debito di guerra della Germania, mentre l’Italia ha bisogno di aiuti finanziari. Un convegno in Senato, con Liliana Segre, accademici e magistrati, ha spiegato che i debiti per i crimini di guerra tedeschi non

Continua la lettura

21 gennaio 2020 – Commemorazione del 75° anniversario della strage di 6 partigiani a Cima di Porlezza. Gli interventi di Paola Rosiello e degli studenti dell’Ist. “Vanoni” di Menaggio

L’intervento di Paola Rosiello – Associazione cittadini insieme di Porlezza, Consigliere Centro studi “Schiavi di Hitler” L’associazione Cittadini Insieme, che da tanti anni promuove questa giornata di ricordo, ringrazia tutti i presenti, il sindaco di Porlezza, le associazioni dei finanzieri e carabinieri in pensione, gli alpini, il don, tutte le

Continua la lettura

Iniziative in occasione del Giorno della Memoria 2020

14 gennaio. Cernobbio scuola media “Don Marmori”.  Alcune classi incontrano Lella Polacco Alberg, sopravvissuta con la madre alla Shoah perché rifugiatasi in Svizzera attraverso il Bisbino nel novembre 1943. Saranno anche presenti Diego Torriani e Fiammetta Lang che condivisero con Lella gli anni dello sfollamento e dei primi studi con

Continua la lettura

Como, il comasco e le pietre d’inciampo

Le “Pietre d’inciampo” sono dei cubetti di pietra della dimensione di cm. 10x10x10, ricoperti da una lastra di ottone con incisi il nome del deportato, l’anno di nascita, la data, il campo di deportazione e la data di morte, se conosciuta. Le pietre, che vengono inserite nel selciato cittadino, sono

Continua la lettura

presepe di Wietzendorf

sabato 21 dicembre parteciperemo all’iniziativa organizzata dal Comune di Cernobbio “Una finestra sul Natale”. Saremo presenti fuori dalla nostra sede, in via Regina 5, (palazzo Bernasconi – ex sede biblioteca) a partire dalle ore 15,00 con reperti e documenti. In particolare ti segnaliamo la raffigurazione delle statuine del presepe realizzato

Continua la lettura

Il caso Liliana Segre

A proposito delle vicende che nelle ultime settimane hanno riguardato la Senatrice a vita Liliana Segre, il Centro studi “Schiavi di Hitler” non può non prendere posizione e trarre le dovute considerazioni. Come precisato nello Statuto, fra gli scopi della nostra associazione sono elencati i seguenti punti: – valorizzare la

Continua la lettura

Intitolata sabato 23 novembre una strada di Vignate (MI) a Francesco Gervasoni, operaio della Pirelli, deportato e morto a Kahla nel 1945

Senza segni la Memoria è destinata a svanire. Si deve in gran parte alla tenace dedizione di alcuni familiari se la deportazione e riduzione in condizione di schiavitù di quasi un milione di italiani assume una visibilità pubblica e si traduce in un segno tangibile destinato a preservarne la memoria.

Continua la lettura