Iniziative per il Giorno della Memoria 2021

Oltre alla pubblicazione sul web della mostra “Schiavi di Hitler. L’altra Resistenza. Racconti, disegni e documenti dei deportati e internati italiani 1943-1945”, con traduzione in inglese, abbiamo deposto fiori alla targa agli schiavi di Hitler, al Monumento alla Resistenza Europea a Como e alla targa agli schiavi di Hitler posta

Continua la lettura

Cima 21 gennaio 1945 – Per non dimenticare

Settantasei anni fa si consumava la strage dei sei partigiani fucilati a Cima di Porlezza, uno degli episodi più efferati della guerra civile e di liberazione in territorio comasco. Il più “anziano” aveva 28 anni, il più giovane solo 17. Per i “ribelli” di Cima – così venivano definiti dai

Continua la lettura

Ines Figini ci ha lasciato

Sabato 25 settembre 2020, all’età di 98 anni, ci ha lasciato Ines Figini, deportata nei Lager del Terzo Reich con altri operai delle fabbriche comaschi in seguito agli scioperi del 6 marzo 1944. Ines è sopravvissuta all’inferno di Auschwitz e Ravensbrueck grazie alla sua forza di volontà e alla voglia

Continua la lettura

8 settembre 1943 – 8 settembre 2020

Governo in fuga, disfatta dell’esercitoIl momento della scelta per gli italiani e la nascita della Resistenza 8 settembre 2020  Abbiamo deposto fiori: alla targa agli schiavi di Hitler nel Giardino dei Giusti a Cernobbio alla lapide agli schiavi di Hitler e al Monumento alla Resistenza Europea a Como.

Continua la lettura

BASTA FAKE NEWS SUL DEBITO TEDESCO

Comunicato stampa del 7 aprile 2020 della “Fondazione per la critica sociale”. Circolano fake news sul debito di guerra della Germania, mentre l’Italia ha bisogno di aiuti finanziari. Un convegno in Senato, con Liliana Segre, accademici e magistrati, ha spiegato che i debiti per i crimini di guerra tedeschi non

Continua la lettura

Iniziative in occasione del Giorno della Memoria 2020

14 gennaio. Cernobbio scuola media “Don Marmori”.  Alcune classi incontrano Lella Polacco Alberg, sopravvissuta con la madre alla Shoah perché rifugiatasi in Svizzera attraverso il Bisbino nel novembre 1943. Saranno anche presenti Diego Torriani e Fiammetta Lang che condivisero con Lella gli anni dello sfollamento e dei primi studi con

Continua la lettura

Como, il comasco e le pietre d’inciampo

Le “Pietre d’inciampo” sono dei cubetti di pietra della dimensione di cm. 10x10x10, ricoperti da una lastra di ottone con incisi il nome del deportato, l’anno di nascita, la data, il campo di deportazione e la data di morte, se conosciuta. Le pietre, che vengono inserite nel selciato cittadino, sono

Continua la lettura

La rappresentazione del Presepe di Wietzendorf presso la nostra sede il 21 dicembre 2019

Il Presepe di Wietzendorf Molti non ne conoscono l’esistenza, eppure questo semplice presepe creato dai nostri militari nel campo di concentramento di Wietzendorf è custodito in una teca della Basilica di S. Ambrogio a Milano. Era l’inverno del 1944, nel lager di Wietzendorf, cittadina tedesca tra Amburgo e Hannover, erano rinchiusi migliaia di soldati

Continua la lettura

presepe di Wietzendorf

sabato 21 dicembre parteciperemo all’iniziativa organizzata dal Comune di Cernobbio “Una finestra sul Natale”. Saremo presenti fuori dalla nostra sede, in via Regina 5, (palazzo Bernasconi – ex sede biblioteca) a partire dalle ore 15,00 con reperti e documenti. In particolare ti segnaliamo la raffigurazione delle statuine del presepe realizzato

Continua la lettura

Il caso Liliana Segre

A proposito delle vicende che nelle ultime settimane hanno riguardato la Senatrice a vita Liliana Segre, il Centro studi “Schiavi di Hitler” non può non prendere posizione e trarre le dovute considerazioni. Come precisato nello Statuto, fra gli scopi della nostra associazione sono elencati i seguenti punti: – valorizzare la

Continua la lettura

Intitolata sabato 23 novembre una strada di Vignate (MI) a Francesco Gervasoni, operaio della Pirelli, deportato e morto a Kahla nel 1945

Senza segni la Memoria è destinata a svanire. Si deve in gran parte alla tenace dedizione di alcuni familiari se la deportazione e riduzione in condizione di schiavitù di quasi un milione di italiani assume una visibilità pubblica e si traduce in un segno tangibile destinato a preservarne la memoria.

Continua la lettura